fbpx

Content marketing b2b: come scrivere un blog post a settimana

Una efficace strategia di content marketing b2b si basa sulla qualità e la regolarità dei contenuti prodotti. Ecco alcuni suggerimenti per scrivere un blog post a settimana.

Avete già pensato ad una strategia di marketing per generare traffico al vostro sito Web? Alimentando regolarmente il blog aziendale, si avranno più pagine indicizzate dai motori di ricerca, sarà possibile aumentare il numero di visitatori al sito e generare più contatti.
Per raggiungere questo obiettivo, la rilevanza del contenuto è fondamentale, ma anche la regolarità è importante.

Come è possibile organizzarsi per scrivere un nuovo post a settimana sul proprio blog aziendale?

Pianificate la creazione dei contenuti

“Abbiamo fatto un blog per un po’ di tempo ma non ha dato alcun risultato e quindi abbiamo rinunciato”. Questo è un argomento di cui sento parlare molto spesso nei miei incontri con imprenditori e responsabili marketing.
Andando ad approfondire la questione ho notato almeno due aspetti ricorrenti:

  • La redazione degli articoli è stata affidata, il più delle volte, a un tirocinante o un membro del team non specializzato, senza chiare linee guida.
  • La frequenza di pubblicazione era casuale o insufficiente per generare risultati in termini di traffico.

Creare un blog aziendale non significa aprire uno spazio in cui si pubblicano contenuti secondo i vostri desideri e il vostro tempo disponibile. È una decisione che si inserisce in una strategia di marketing chiara e documentata, con obiettivi, un pubblico target, argomenti definiti e un programma di pubblicazione.

Vuoi scrivere un post a settimana sul tuo blog? Il metodo migliore non è probabilmente quello di cercare affannosamente l’argomento di cui parlare ogni lunedì mattina.

Una strategia di marketing efficace si basa su una pianificazione editoriale che indica a monte il contenuto da scrivere, le persone a cui rivolgersi, le parole chiave specifiche su cui focalizzare l’attenzione, le fonti di ispirazione, l’autore del contenuto e qualsiasi altra indicazione pratica che si consideri rilevante.

Osservate il vostro settore

Avete definito il piano editoriale, anticipato la creazione dei contenuti, approfittando dei periodi di tranquillità per creare i prossimi articoli e, quindi, recuperare il tempo per fasi lavorative più intense dove potrebbe essere difficile trovare spazio per scriverne di nuovi.

Tuttavia, come spesso succede, arriva una notizia che impatta direttamente sul vostro settore: una nuova legge, una parola che inizia a girare e che non potevate aver previsto nel vostro piano editoriale.

Monitorando costantemente il vostro settore, non perderete nulla di ciò che può interessare il vostro target. Combinando pianificazione e monitoraggio del settore, si ha l’opportunità di creare nuovi articoli adatti alle vostre buyer personas utilizzando parole chiave che i vostri concorrenti non hanno ancora avuto il tempo di adottare.

Creare una lista di idee da alimentare costantemente

Scrivere un articolo a settimana senza stancarsi, ripetersi o cadere nel plagio è una sfida quotidiana. Se operate in un settore dove l’offerta di contenuto è particolarmente satura, come è possibile differenziarsi dai propri concorrenti con articoli non solo regolari ma anche originali?

Infatti, se si trattano temi simili per un target di pubblico simile, si rischia di confondersi nella massa. La pianificazione editoriale vi salverà dall’angoscia del “foglio bianco” e di agire d’anticipo rispetto alla concorrenza.

Ma per alimentare la pianificazione editoriale, si dovranno sempre trovare nuove idee per gli articoli. Ecco perché vi consiglio di creare un elenco di idee da tenere sempre a portata di mano.
Per questa lista è utile non solo monitorare il proprio settore ma esplorare anche altri orizzonti. Come non fare clic su un articolo che disegna un parallelo tra il marketing e Katy Perry? O tra il marketing e Cristiano Ronaldo?

La ricetta per un articolo originale?
Riassumere ogni idea che viene in mente in una frase. Trovare un titolo accattivante e abbozzate un piano. Lasciate riposare, dormiteci sopra. Il giorno dopo, rivalutare l’idea. Se la trovate ancora pertinente, sfruttatela e scrivete un nuovo articolo.

Coinvolgete il vostro team nella creazione degli articoli

Per scrivere un blog post a settima, sono disponibili due opzioni:

  • Creare articoli internamente alla propria azienda con una squadra o una persona specifica;
  • Esternalizzare la produzione dei contenuti.

Indipendentemente dall’opzione scelta, è fondamentale coinvolgere tutta la vostra squadra nella creazione dei contenuti. Infatti, se si affida la scrittura degli articoli ad un membro del team di marketing, la persona, per quanto competente possa essere, non è in contatto diretto con i clienti. Quindi non sarà sempre in grado di valutare con precisione le esigenze del target.
Ecco perché è assolutamente necessario coinvolgere il reparto vendite nella definizione della strategia di content marketing b2b: mettendo in relazione le esigenze e le preoccupazioni dei clienti finali, i team di vendita offrono nuove idee per i contenuti.
Allo stesso modo, se si esternalizza la produzione degli articoli del blog, la tua squadra deve comunque prendere parte nella definizione del calendario editoriale.

Una strategia di marketing di successo efficace si basa sulla qualità e la regolarità della vostra offerta di contenuti. Produrre un nuovo post sul blog a settimana richiede sia capacità organizzativa che creatività. Il piano editoriale permette di avere una visione a lungo termine dei contenuti da creare; ed è necessario nutrirlo costantemente con nuove idee che si generano adottando un approccio creativo e beneficiando dei contributi di tutto il vostro team.

Condividi con un amico

LinkedIn
WhatsApp
Facebook
Telegram
X

Altri articoli di brand-zine

Il marketing senza glutine di Schär

Oggi, quando si parla di celiachia, il primo nome che viene in mente è senza dubbio Schär. Questo primato non è casuale, ma il risultato di una strategia di marketing lungimirante e innovativa che ha saputo conquistare il cuore e la mente dei consumatori, posizionandosi come Top of Mind (TOM) nel mercato degli alimenti senza glutine.

Garmin e la rivoluzione del benessere

Nata come azienda pioniera nel settore dei GPS, Garmin ha saputo reinventarsi nel corso del tempo, anticipando le tendenze e conquistando un posto di rilievo nel panorama dei dispositivi indossabili. Oggi, il marchio offre una gamma completa di prodotti per tutti gli sportivi, dagli amatori occasionali agli atleti professionisti.

Webnovo, refocus your brand
Via Roma, 6 – Soriano nel Cimino (Viterbo)
P.IVA IT01741870560