fbpx

Senza un brand, un logo non ha senso

Alcuni pensano che una volta scelto il nome e creato un logo per la loro azienda, allora avranno definito anche un brand. C'è una percezione generale che "logo" e "brand" siano la stessa cosa. A volte questi due termini sono persino usati come sinonimi.
Perchè a nessuno importa del tuo logo?

Molti imprenditori, appena iniziano la loro attività, si affrettano a scegliere un logo, il nome, i colori, i font tipografici, pensando così di definire il proprio brand (in italiano parliamo di “marca”).

I termini “logo” e “brand” sono spesso usati in modo intercambiabile. In realtà, un logo è solo un singolo, anche se altamente visibile, elemento del tuo brand. È un pò come tenere in mano un singolo pezzo di puzzle e cercare di visualizzare l’intera immagine.

Questa percezione è rafforzata da chi si occupa di grafica e pubblicizza il lavoro di “branding” quando, in realtà, ciò che sta effettivamente facendo è progettare logo, carta intestata e biglietti da visita.

Non fraintendetemi: abbiamo ancora bisogno dei loghi, ma non ha senso fare di un logo le fondamenta della vostra attività.

Il tuo logo avrà effetto zero sulle vendite

Nessuno decide di fare affari con un’azienda in base al suo logo.
Un marchio riconoscibile è il risultato del successo piuttosto che la causa.

Ci sono loghi che molti di noi desiderano avere sui beni di consumo (pensiamo all’abbigliamento o alla “mela” sul nostro portatile che dice al mondo che possiamo permetterci il meglio).

Ma quei marchi, riconoscibili e desiderabili, non hanno costruito il loro successo attorno a un logo.

Non è che Steve Jobs abbia lavorato sodo e si sia sforzato di trovare quella mela, per poi rilassarsi e raccoglierne i frutti. Il buon Steve sapeva che un logo non avrebbe fatto il lavoro duro.

Smetti di preoccuparti di ciò che i tuoi clienti penseranno del tuo logo

Pochi di loro passeranno del tempo a pensare al tuo marchio.
Supponiamo che un giorno la tua lavatrice esploda e allaghi il pavimento della tua casa. Chi chiamerai per risolvere il problema? L’azienda che ha il logo blu (perché il blu infonde fiducia) o chiami l’idraulico che può arrivare in 15 minuti?

Questo è il cambiamento nel nostro mercato. Le persone oggi vogliono saperne di più sulle aziende da cui acquistano; non è più sufficiente avere solo un bel logo.

Una delle aziende che lo ha capito bene è la Red Bull. Sul loro sito web non vedrai pubblicità del prodotto. Vedrai foto e video di persone che fanno cose incredibili in diversi sport. Questo è il loro brand.
La Red Bull riguarda le persone che realizzano cose incredibili. Il marchio Red Bull è incentrato sulla promozione della grandezza e della straordinaria capacità delle persone. E questo è il motivo per cui Red Bull possiede la metà del mercato delle bevande energetiche. La sua differenziazione è il suo marchio. Non il nome, il logo, i colori o i font.

Cos’è il brand?

Molto semplicemente, è la promessa che fai ai tuoi clienti. È la combinazione di attributi visivi, verbali ed emotivi che definiscono la tua azienda e la distinguono dalla concorrenza. E dovrebbe essere coerente ovunque: dal modo in cui i tuoi dipendenti salutano i clienti, alle tue campagne pubblicitarie, alla tua segnaletica, al tuo sito web. Il tuo brand permea tutto ciò che fai, ovunque.

Interessarsi o meno al tuo logo si riduce all’interessamento verso la tua società, perciò i tuoi clienti ti resteranno fedeli anche se hai un logo terribile, cosa che non faranno se invece avrai una società terribile.

Pensaci bene. Se fornisci un ottimo servizio, i clienti ti resteranno fedeli, anche se il tuo logo è orribile. Viceversa, nessuno ti resterà fedele se il tuo valore si limita ad un logo molto “figo”.

I loghi sono una rappresentazione visiva di un’azienda, mentre il brand è l’intera esperienza che un cliente ha con la tua attività.

Seth Godin dice che invece di creare un logo, dovresti mirare a creare un “prodotto, un’esperienza e una storia che le persone ricordino“.

Il branding è il tuo strumento per produrre un coinvolgimento profondo e relazioni significative con i tuoi clienti. Invece di essere solo un’altra merce, e competere al ribasso dei prezzi, puoi utilizzare questo strumento per creare valore per i tuoi clienti.

Non sarà il logo a determinare il successo o il fallimento della tua azienda.

Alla fine, il logo è solo un’immagine: rappresenta l’identità della tua azienda ed è uno strumento che aiuta a rimanere impresso nella mente delle persone, ma non è determinante nella crescita di un business, non dice nulla su chi sei veramente, cosa rappresenti o come i tuoi prodotti e servizi possono migliorare la vita di qualcuno.

Il tuo logo inizia ad avere un significato solo dopo che la tua azienda inizia ad avere un significato. Una volta che sei conosciuto per qualcosa, buono o cattivo che sia, le persone inizieranno ad associare il tuo logo ai sentimenti che già hanno sul tuo brand.

Il successo di Apple non è dovuto alla scelta del logo. Sono convinto che Steve Jobs avrebbe ottenuto gli stessi risultati se avesse scelto una pera, un albero o una stella cadente.

Non sarà il logo a determinare il successo o il fallimento della tua azienda.

Quindi smetti di impiegare tutto il tempo a lavorare sul nome e sul logo della tua azienda e spendilo nell’attività di marketing che conta davvero: creare un brand con un elemento di differenziazione significativo che stimoli le persone a desiderare ciò che vendi.

.

Vuoi ricevere gratuitamente le novità del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita