Subscription economy, il modello di business ad abbonamento

Subscription economy, un nuovo modo di consumare. Se anche tu pensi che il tuo business debba rimanere tradizionale prova a leggere questo articolo. Potresti ricrederti e trovare una nuova modalità di vendita.
Subscription Economy

Chiamatelo come volete: abbonamento, noleggio oppure subscription economy.

Ricordo ancora quando in Webnovo decidemmo di “noleggiare” le nostre auto. Ci siamo fatti il nostro bellissimo foglio excel e comparato un acquisto con un noleggio. Non è solo per una questione meramente fiscale: sulla carta le differenze sono veramente poche, ma i vantaggi aggiuntivi sono notevoli. Il tempo prima di tutto: non pensiamo alla manutenzione ordinaria, straordinaria, al cambio gomme, all’assicurazione, al bollo, al soccorso in caso di necessità. Non siamo invasi da scadenze. È un modo diverso di fruire di un bene e richiede anche un approccio mentale diverso dal possesso.

Secondo gli esperti, è dovuto tutto a un cambiamento di mentalità imposto dalla Generazione Y. I millennial mettono il divertimento prima del possesso e tengono in particolar modo al loro tempo. Ecco perché l’abbonamento è per loro il modello ideale.

Non solo Netflix, Amazon Prime, Adobe Creative Cloud, Microsoft Office, videogiochi o qualsiasi tech company, ma lavanderie, prodotti per la cura personale, cibo, palestre, servizi sanitari, prodotti per animali domestici, automobili.

Ci sono sempre più prodotti e servizi di cui possiamo godere in cambio di una tariffa forfettaria – di un abbonamento – un modello di business che sta cambiando completamente il mercato e che secondo alcuni esperti è qui per restare.

Il concetto di servizi in abbonamento non è nuovo. Decenni fa, molti consumatori hanno iniziato a pagare canoni mensili per accedere a palestre, club, abbonamenti a giornali, servizi di TV via cavo.

Ciò che è una novità, e sta causando una sostanziale interruzione nella distribuzione commerciale, è il fatto che le strategie in abbonamento stanno guadagnando una notevole trazione e registrando una crescita spettacolare dei volumi di vendita. Inoltre, sono ora impiegati nella commercializzazione di una gamma molto più ampia di categorie di beni e servizi.

Attraverso questo modello gli utenti possono godere di un prodotto che forse non potrebbero possedere, o che potrebbero possedere ma facendo un grande sforzo, con il vantaggio che non saranno obsoleti.

Le economie domestiche di solito non possono tenere il passo con il ritmo dei progressi tecnologici, quindi, una volta acquistato, il prodotto diventerà obsoleto in un tempo relativamente breve. A ciò si aggiunge l’economia del tempo.

Sebbene i millennial siano stati i primi ad aderire a questa tendenza, la realtà è che diverse generazioni lo stanno già adottando, anche quelle over 65, per le quali l’acquisto tramite internet ha cessato di essere qualcosa di eccezionale.

Le nostre abitudini di consumo si stanno quindi evolvendo. Ora l’esperienza del qui e ora e l’opportunità di rinnovarla è al di sopra di acquisirla.

Sebbene la pandemia non sia stata la causa di questo cambiamento, ha contribuito a consolidare il modello. Il motivo è che abbiamo dovuto adattare le nostre abitudini al nuovo contesto, e questo ha portato con sé che una pratica già consolidata negli anni è stata introdotto in settori diversi da quelli tecnologici.

Il modello in abbonamento funziona finché è possibile trovare il valore aggiunto che rende l’utente disposto a impegnarsi e sottoscriverlo.

Per le aziende i vantaggi sono evidenti: reddito garantito, conoscenza dei gusti e delle esigenze della propria clientela, possibilità di pianificare la produzione e gli impianti per creare un legame ancora più solido con il cliente.

Ma cosa ci guadagna il consumatore?

L’elenco è molto ampio.

La personalizzazione diventa l’asse della strategia per un business ad abbonamento, e ciò implica fornire un valore aggiunto in cambio della fidelizzazione del cliente.

Questo valore aggiunto può offrire un’esperienza che prima era considerata lusso a un prezzo inferiore. Oppure fare una selezione di prodotti da parte del cliente in base alle sue preferenze o esigenze o anche avere la possibilità di rinnovare periodicamente un prodotto o un servizio che gode delle ultime novità sul mercato.

Si stabilisce una relazione unica tra il brand e l’abbonato, che si sente distinto dal cliente normale e ricompensato in qualche modo.

I consumatori stabiliscono legami emotivi con i loro beni, materiali o immateriali. Infatti, i prodotti che acquistiamo e utilizziamo possono diventare oggetti molto importanti per noi, con i quali possiamo identificarci a tal punto che ci servono per sfoggiare la nostra identità oppure di modellarla. Ma non è necessario acquistarli, basta usarli.

La sensazione psicologica di possedere un prodotto può sorgere sia rispetto a prodotti che sono legalmente di nostra proprietà sia in relazione a articoli che non possediamo realmente e che usiamo o consumiamo regolarmente.

Un articolo che ci piace grazie a un servizio in abbonamento può risvegliare in noi le stesse sensazioni psicologiche di attaccamento e proprietà, ed essere, per noi, trascendentale e prezioso come un articolo che possediamo veramente.

D’altra parte, lo scenario attuale, in cui la consapevolezza della sostenibilità ha sempre più peso, influenza il crescente numero di sostenitori dell’uso e del consumo rispetto alla proprietà.

Anche la tendenza anti-consumo e l’economia collaborativa sono in questa linea, fa parte della stessa evoluzione del consumatore, che passa dall’essere proprietario all’essere un utente.

Tutto risponde allo stesso bisogno: usalo quando ne hai bisogno. Hai sempre l’ultima novità senza l’esborso che comporterebbe l’acquisto. Il volume di clienti potrebbe non essere molto alto, ma ciò consente all’azienda di avere un trattamento più personalizzato con il suo pubblico, più vicino. Si adatta molto bene all’obiettivo delle aziende legate al dialogo con il cliente.

Gli esempi sostenibili che ci piacciono

Bam&Boo

Piccoli gesti possono fare la differenza. 

Questo il concetto cardine della filosofia aziendale; partendo da un oggetto quotidianamente utilizzato e mensilmente gettato hanno deciso di creare un prodotto ecologico. Uno spazzolino sostenibile con manico in bambù e packaging eco-friendly! Il bambù è una delle materie prime più sostenibili del pianeta ed è anche un antibatterico naturale. È la scelta migliore non solo per l’ambiente, certificato FSC, ma anche per la salute orale. 

Cortilia

È il nuovo modo di fare la spesa grazie ad un innovativo e-commerce che consente di ricevere a domicilio, con un click, nel giorno e nella fascia oraria prescelta, una spesa piena di gusto e artigianalità. Sono stati selezionati produttori a filiera corta che operano secondo pratiche rispettose dell’ambiente, prediligendo la stagionalità e ricercando sempre soluzioni ecologiche per il confezionamento. Un modello che guarda al futuro ma si applica nel presente.

Quomi

È un servizio di spesa online che offre sia ricette nuove ogni settimana che prodotti selezionati di bottega. Gli ingredienti freschi arrivano dal produttore direttamente a casa dell’utente. Il tutto tenendo bene a mente la sostenibilità: con una spesa così ci sono meno sprechi di cibo, più packaging riciclabile o compostabile , ingredienti stagionali e un albero piantato per ogni ordine spedito.

Abiby

Formulazioni ecologiche e packaging sostenibile sono i requisiti di tutti i prodotti venduti in questo portale.

Abiby guarda sempre con attenzione gli ingredienti allo scopo di creare una cosmesi che sia performante e, al tempo stesso, ricca di ingredienti naturali, cruelty-free e bio. 

Bold King

Questa azienda ha creato un prodotto di qualità e soprattutto 100% eco-sostenibile. È stato progettato nel minimo dettaglio con lo scopo di essere un prodotto attento all’ambiente: ad esempio la distanza tra le lame permette un risciacquo più facile e veloce, così da consumare meno acqua. Le lamette si ricambiamo con un semplice click!

Drip

Possiedi il tuo stile, non i tuoi vestiti. È così che viene identificata la campagna di Drip il primo servizio di high fashion e streetwear in abbonamento mensile. Lo scopo del noleggio è quello di ridurre i consumi, cambiare approccio e allungare la vita dei capi.

Wine Hoop

Si tratta di un servizio in abbonamento per chi vuole conoscere ed assaggiare ogni mese nuovi vini straordinari e sostenibili. Dopo aver risposto ad alcune domande sui tuoi gusti e preferenze, selezioni il budget e il team Wine Hoop ti invierà a casa ogni mese i vini perfetti per te di produttori attenti all’ambiente!

Un modello infallibile?

La risposta è chiaramente no, poiché non è priva di sfide. In larga misura, queste sfide hanno la loro origine nell’alto costo coinvolto nell’attrarre nuovi abbonati e nei tassi di abbandono dei consumatori inizialmente abbonati, che in alcuni casi possono essere molto alti (vedi ad esempio Netflix).

Tuttavia, una volta raggiunto un portafoglio di clienti, il futuro di queste aziende, con un modello di business che può essere esteso a quasi tutti i settori, può essere molto redditizio.

Se gli utenti si sono abbonati è il primo riscontro che il prodotto è stato soddisfacente. Se l’azienda è in grado di mantenere lo standard di qualità nel servizio e il cliente è soddisfatto sia del prodotto che dell’esperienza di utilizzo, allora continuerà a rinnovare, potrà acquistare prodotti aggiuntivi e consiglierà persino il servizio.

SPOILER: Mentre scriviamo questo articolo stiamo elaborando modelli di abbonamento per 2 nostri clienti: uno appartiene al settore ortoflorovivaistico biologico, l’altro al settore dell’olio di oliva biologico. I primi “test” sono confortarti. Stay Tuned!

Vuoi mettere ordine al tuo marketing digitale?

Gli ultimi articoli

Vuoi ricevere gratuitamente le novità del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.