Facebook shop come funziona e come promuoverlo

Considerato quante imprese si stanno riversando nella vendita online, parliamo di un altro canale di vendita sui social: Facebook Shop

Continuiamo ad approfondire alcuni argomenti legati all’e-commerce visto il momento storico che stiamo vivendo e considerato quante imprese si stanno riversando nella vendita online.

Facebook Shop è una funzione messa a disposizione da Facebook per le piccole e medie imprese per consentirgli, anche se per ora non direttamente, di vendere i prodotti attraverso i social. Anche le piccole aziende possono creare una vetrina dei propri prodotti online per farsi conoscere e per vendere tramite social. Fatta questa premessa, andiamo a vedere come funziona e come promuovere il Facebook Shop.

Facebook shop come funziona?

Anche se inizialmente molti rumors facevano passare l’idea che Facebook shop andava in qualche modo a scontrarsi con i big del commercio online (vedi Amazon, Ebay, Shopify, Alibaba, ecc), questo non è assolutamente vero.

Nella realtà Facebook shop non va in contrasto con nessuna delle piattaforme presenti ad oggi sul mercato per sviluppare gli e-commerce e per vendere i prodotti veri e propri. Facebook shop non è un’alternativa all’e-commerce, quindi non sostituisce Amazon o qualsiasi altra piattaforma (Shopify, Magento, Bigcommerce, Woocommerce, Google shop, ecc), ma è semplicemente un luogo dove mostrare i propri prodotti, sulla propria pagina Facebook e Instagram, e fare in modo di attivare il processo di acquisto. Ad oggi, infatti, la possibilità di acquistare direttamente dall’App è disponibile solo negli Stati Uniti, in sostanza se entri nello shop di un’azienda e vuoi acquistare un prodotto, il pagamento dentro l’App di Facebook o di Instagram si può fare solo in America, in Italia e in altre nazioni l’acquisto dovrà essere fatto comunque sul sito web di “atterraggio” dell’azienda.

Per riassumere: se volete vendere online i vostri prodotti dovete avere, per prima cosa, il vostro e-commerce, successivamente potete configurare la vetrina anche su Facebook Shop, in modo che le persone possano vedere il vostro catalogo prodotti anche sui social, e gestirla come un vero e proprio shop online, aggiungendo categorie, prodotti, descrizione, prezzo e personalizzando la foto e la copertina. Quando però le persone cliccheranno “acquista” verranno spostate sul vostro e-commerce e quindi è essenziale avere una piattaforma di vendita proprietaria. L’aggiunta al carrello e la transazione monetaria avvengono altrove.

In sostanza, la presenza e la promozione dei prodotti su Facebook attraverso dei cataloghi è una funzionalità che c’è da anni… con il Facebook shop il tutto viene reso più customizzato e organizzato ma niente di più, almeno fino a che non si potrà effettuare l’acquisto direttamente sui social.

Facebook shop non è un'alternativa all'e-commerce

Facebook shop non è una scorciatoia per le piccole imprese!

Chi pensa che il Facebook shop consenta a tutte le imprese, anche le più piccole e senza la minima presenza online, di vendere su internet usando semplicemente Facebook perché “è gratis” è fuori strada. Vendere online non è così semplice, per fare un e-commerce seriamente non basta caricare due prodotti su Facebook, mettere qualche foto, una descrizione e pensare di aver fatto la vendita online. Per vendere online bisogna prendere in considerazione alcuni fattori essenziali, non sempre messi sul tavolo, come: il magazzino, i resi, i pagamenti, le fatture, le spedizioni, il customer care, ecc. La parola “vendere”, online e no, è un’organizzazione complessa, è un insieme di attività delle quali Facebook Shop rappresenta una piccolissima percentuale. Anche se si usa Facebook Shop tutte le altre attività a corredo di una vendita devono comunque essere programmate e gestite.

Con questo non vogliamo dire che le piccole imprese non possano affacciarsi all’e-commerce, anzi, questo periodo storico è molto favorevole per sperimentare la vendita online; il messaggio che vogliamo far passare è: “non si deve pensare che su internet la vendita sia più semplice e meno onerosa del negozio fisico. La vendita online è un percorso serio e si ha bisogno di un insieme di strumenti professionali per farlo bene.

L’organizzazione e la visione complessiva di tutti gli strumenti di vendita online consentono alle imprese di collegare e integrare lo shop alle piattaforme partner ed avere una coordinazione totale. La gestione del magazzino sull’e-commerce, in cui sono già presenti foto, descrizioni, prezzi disponibilità, ecc, può essere semplificata integrando la piattaforma su Facebook shop, in questo modo i dati sono trasferiti ed aggiornati in automatico.

Facebook non sembra voler sorpassare i grandi player ma, contrariamente, vuole integrarli sempre di più nel suo progetto e le imprese, per stare al passo, sono costrette ad aggiornarsi continuamente ed avere strumenti efficienti.

Come promuovere Instagram e Facebook Shop?

Concentriamoci in questo ultimo paragrafo su alcune metodologie che possono essere impiegate nella promozione di Instagram e Facebook shop. Infine, accenniamo brevemente ad una possibilità messa a disposizione da Facebook che consente di raggiungere i visitatori dello shop di Facebook e le persone che hanno interagito con esso per portarli all’acquisto.

Una volta che il Facebook shop è impostato correttamente è possibile taggare i prodotti nei post, sia su Facebook che su Instagram. Per promuovere Instagram e Facebook shop occorre creare dei contenuti visivi e testuali all’interno dei quali taggare i prodotti (su ogni immagine possono essere taggati al massimo 5 prodotti). Per ampliare il pubblico, è possibile sponsorizzare i social post attraverso il Business Manager (nel pannello Gestioni Inserzioni), parliamo sia di nuovi post che di post esistenti.

Per promuover i vostri prodotti, il primo consiglio è quello di taggarli nelle Stories, nell’IGTV, nei post, attraverso le guide ed a breve anche nei Reels. Il secondo suggerimento è quello di raccontarli; fare una vetrina statica dei prodotti disponibili, con tag nome e prezzo, non funziona, almeno che i vostri prodotti non siano dei lovemark, come ad esempio CocaCola, per i quali non serve nient’altro da dire perché il nome già dice tutto. In tutti gli altri casi non è così, quindi la cosa migliore da fare è creare valore intorno al prodotto, presentandolo al meglio e in modo da far emergere le principali informazioni: che cosa è il prodotto, chi lo dovrebbe indossare o acquistare, a quali bisogni e desideri risponde, i plus che lo contraddistinguono (ad esempio: materiali sostenibili o riciclati, Cruelty free, made in Italy, ecc) e in generale tutto ciò che consente di dare valore.

In sintesi, promuovere lo shop significa raccontare i prodotti perché fare una vetrina statica ad elenco non ha senso, c’è già lo shop che ha queste caratteristiche e non serve creare dei post identici ad esso.

Un’altra idea per promuovere i prodotti è quella di farli vedere in uso, o fare dei mini-video di racconto, ma soprattutto farli raccontare dagli altri: influencer, clienti soddisfatti, testimonial, ecc. Utilizzare i contenuti creati dagli utenti, ricondividendoli e taggando il prodotto, darà ad esso un valore molto più vero ed autentico.

L’User generated contents è una tra le strategie più vincenti, sia per i prodotti che si inseriscono in un percorso di acquisto più lungo, per i quali i potenziali acquirenti hanno bisogno di tempo e di molti contenuti per arrivare alla decisione, sia per i prodotti di acquisto immediato: presentare il prodotto indossato o in azione può far giungere l’ipotetico acquirente alla decisione di acquisto in un tempo ancor più breve.

esempio di User generated contents per la promozione di prodotto
esempio di User generated contents per il potenziamento della Brand awareness

In questi due esempi di grandi Brand come Calzedonia e Levis è possibile notare come l’User generated content è sfruttato sia per promuovere lo shop dei prodotti sia per accrescere la Brand awareness

Interagire con i visitatori dello Shop di Facebook

È possibile influenzare coloro che hanno visitato o interagito con il Facebook Shop, o con i singoli prodotti, al fine generare una conversione ed un acquisto.

Come?

Nella sezione pubblici del Business Manager, si può creare un pubblico personalizzato basandosi su due categorie: acquisti e annunci su Facebook.

1) Con “acquisti” Facebook ti consente di creare un pubblico di persone che hanno interagito con i prodotti dello shop di Facebook e Instagram andando indietro fino a 365 giorni. È un pubblico dinamico che si aggiorna costantemente e inizia a popolarsi dal momento in cui le persone iniziano a visitare lo shop. Si possono raggiungere le persone, scegliendo Facebook, Instagram o entrambi, che hanno visualizzato i prodotti, che hanno visualizzato i prodotti e navigato sul sito web, che hanno salvato i prodotti, che hanno visualizzato la pagina degli shop, che hanno aggiunto al carrello, ecc. Un pubblico interessante su cui andare a fare retargeting dinamico, magari proponendo direttamente il catalogo, i prodotti top oppure le offerte. Il consiglio è quello di popolare il pubblico fin da subito ed andare a richiamarlo con annunci appositi quando si sarà numericamente popolato.

2) Un pubblico “annunci su Facebook” riguarda le persone che hanno visualizzato i prodotti del catalogo, non va indietro più di 180 giorni. È un’altra tipologia che ti permette di andare a raggiungere chi ha inviato messaggi sui prodotti del catalogo. Anche qui fondamentali sono i volumi sotto le 100 unità Facebook non fa fare nulla.

Vuoi ricevere gratuitamente le novità del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.