fbpx

Come migliorare il web marketing rispetto ai concorrenti?

Il mondo di internet è in continua evoluzione e chi opera nel web marketing deve rimanere quotidianamente al passo coi tempi. Scopriamo quindi come migliorare il web marketing rispetto ai concorrenti.
Come migliorare il web marketing rispetto ai concorrenti

Le classiche preoccupazioni degli addetti SEO diventano solo una parte del gioco. Se anche tu sei un esperto di marketing, ti sarà sicuramente capitato di perdere giorni e giorni alla ricerca della giusta combinazione di parole e keyword più efficaci, per migliorare il web marketing rispetto ai concorrenti e, conseguentemente, per garantire alla tua azienda cliente (o a quella da cui dipendi) il miglior posizionamento possibile sui motori di ricerca.

Partiamo da un concetto ovvio ma fondamentale: internet è un mondo in continua evoluzione, come lo è la società e come lo è l’interazione tra la società “reale” e l’universo del web. Per questo semplice motivo, il lavoro di chi opera nel settore del web marketing deve, con lo stesso ritmo, rimanere quotidianamente al passo coi tempi.

Quanti hanno elaborato e scartato mille idee, prima di decidere quale fosse la migliore campagna marketing per promuovere un determinato servizio o prodotto? Vogliamo parlare dei post brevi e incisivi scritti sui social per suscitare la curiosità dei potenziali clienti? Tutto questo, però, rischia di non bastare più.

La comunicazione aziendale deve fare i conti – costantemente – con l’evoluzione del web, che oggi mette a disposizione nuovi strumenti per rispondere alle esigenze del tuo target e imbastire nuove strategie di marketing aziendale. Forse, qualcuno dei tuoi concorrenti le sta già sperimentando. E tu?

addetto al web marketing aziendale

Conosci il tuo “nemico”: analisi della concorrenza

Comunicare efficacemente non significa soltanto raggiungere il proprio pubblico di riferimento. Significa farlo meglio rispetto alla concorrenza. Va bene creare un sito ben organizzato e ricco di contenuti o curare l’aggiornamento costante di tweet e profili social, ma è importante anche capire in che direzione si muove la concorrenza. Se fanno meglio o fanno peggio. Se vengono apprezzati dal pubblico. Capire, in definitiva, quali sono i trend del momento in fatto di comunicazione aziendale.

L’analisi della concorrenza è, quindi, il primo passo fondamentale per adottare una strategia di marketing aziendale efficace. Occorre adattare la propria comunicazione alle nuove istanze del mercato e alle nuove abitudini del pubblico, che sono sempre in evoluzione e vanno, perciò, monitorate quotidianamente, senza soluzione di continuità.

Parlando più in concreto, il consiglio è quello di utilizzare dei software – se ne trovano di efficacissimi, come SEMrush, SpyFu, Majestic, o l’italiano SEOZoom – che ti consentano di capire le scelte compiute da un sito di terze parti in merito ai contenuti, alle keywords da valorizzare, al posizionamento sui motori dei ricerca, all’efficacia delle sue campagne di advertising e della sua rete di link building in ambito web.

concorrenza

L’importanza di vendere prodotti e servizi direttamente online

L’efficacia di una strategia di web marketing si poggia su una grande varietà di strumenti con i quali poter raggiungere il pubblico. Non approfondiremo il discorso, in questa sede, sull’utilità di strumenti già conosciutissimi, come le newsletter, l’e-mail marketing, gli svariati profili social, i banner pubblicitari a pagamento. Proviamo, invece, a focalizzare l’attenzione su alcuni punti ancora non pienamente sfruttati dalle aziende italiane.

Una recente indagine ISTAT ha rilevato che il 70,7% delle imprese italiane con almeno 10 addetti dispone di un proprio sito web, che una buona parte di queste ha creato anche il suo bravo profilo Facebook, ma che solo il 29,6% di queste aziende utilizza i profili social per fare marketing. Non scopriamo certo oggi le potenzialità commerciali di Twitter, Instagram e compagnia bella, ma, stando alle percentuali sopra indicate, su tre addetti marketing che stanno leggendo questo articolo, solo uno è passato dalle parole ai fatti. E sicuramente è quello che sta vendendo più degli altri.

Altrettanto trascurato è ancora il settore dell’e-commerce: appena il 10% delle imprese italiane ha effettuato vendite online. La tua azienda lo sta già facendo? Lo sai che, ormai, quasi la metà degli italiani che navigano in internet acquistano online? Probabilmente molti lo stanno facendo anche in questo momento. Sull’ e-shop del tuo diretto concorrente.

Link building e backlinks: e tu, ci sei su Google?

Parliamo di contenuti. Probabilmente il tuo sito è zeppo di keywords mirate e descrizioni esaurienti dei prodotti e servizi offerti dalla tua azienda. Qui vogliamo solo ricordarti quanto sia importante l’attività di link building, attraverso l’inserimento in siti terzi di link che rimandino alle pagine del tuo sito.

Come ha sempre sostenuto Adam Lasnik, attuale Program Manager di Google, se il tuo sito non compare sulle pagine dei motori di ricerca, o è stato creato troppo di recente oppure ha talmente pochi backlinks da risultare praticamente invisibile.

Diamoci dentro, allora, con la creazione di una rete di link specifici e mirati.

link building

Contatto col pubblico e comunicazione corporate, per distinguersi dalla concorrenza

Tra i consigli più utili per mettere in atto strategie di web marketing efficaci, non dimenticare quanto segue: analizza continuamente i dati relativi al traffico e al tipo di pubblico che frequenta il tuo sito e i tuoi profili social.

Ogni azienda dovrebbe avere del personale specializzato per il settore comunicazione e curarne la formazione, mettendo a disposizione i software necessari ad eseguire analisi di mercato chiare ed attendibili.

Cura la presenza sui social in real time e differenzia i tuoi messaggi in relazione ai vari tipi di pubblico (in base alle diverse fasce di età o della regione o nazione di riferimento, etc.). Crea un sito responsive, che si adatti alla perfezione a qualsiasi tipo di dispositivo e venga utilizzato dai tuoi potenziali clienti (smartphone, tablet, laptop).

Una chicca? Realizza e pubblica una breve video-intervista ai dirigenti dell’azienda da promuovere, per tramettere senza filtri la vision aziendale al pubblico e far conoscere la mission d’impresa, infondendo una sensazione di fiducia attorno al brand pubblicizzato.

Il lavoro del responsabile marketing si sta evolvendo e punta sempre più alle relazioni sociali, in luogo della pubblicità vera e propria, per consentire alla propria azienda di distinguersi e rendersi riconoscibile rispetto alla concorrenza.

Asseconda questo cambiamento e mantieni la tua azienda in sintonia con il pubblico: la brande image, la reputazione e le vendite non potranno che beneficiarne.

Vuoi ricevere gratuitamente le novità del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita