Pubblico personalizzato Facebook e retargeting: vi spieghiamo cosa sono

Hai a disposizione un database di contatti ma non sai come sfruttarli al meglio? Potrebbe esserti utile conoscere il pubblico personalizzato di Facebook

Quando si fanno delle sponsorizzate Facebook è abbastanza naturale ricevere delle interazioni, sul post o sulla pagina, mentre risulta molto più difficile ottenere una conversione. In questo caso per conversioni si intendono: richiesta di informazioni, chiamate, invio di un messaggio, iscrizione alla newsletter, acquisto di un prodotto, soprattutto se questo non è d’impulso, ecc.

La motivazione principale deriva dal fatto che un’azione complessa richiede una certa conoscenza e fiducia di un brand, aspetti che non sono né immediati né facili da ottenere.

Cosa sono i pubblici personalizzati su Facebook?

I pubblici personalizzati di Facebook ads entrano in soccorso proprio in questa fase.

I pubblici personalizzati comprendono le persone che hanno già mostrato interesse verso la tua azienda o il tuo prodotto. Questi ti permettono di superare la prima fase critica caratterizzata dalla mancanza di “consapevolezza dell’azienda e del brand” permettendoti di incontrare le persone che già ti conoscono e segmentarle sulla base delle azioni compiute.

Come creare un pubblico personalizzato su Facebook?

Fare pubblicità sfruttando i pubblici personalizzati permette di lavorare su un “pubblico caldo”, ovvero un pubblico che ha già visto i nostri contenuti e che ha interagito con noi.

Per creare un pubblico personalizzato occorre entrare nella sezione di “gestione inserzioni” del business manager.  Andando sulle tre lineette a sinistra e cliccando sulla voce “pubblico” si può creare un pubblico personalizzato.

Le origini che possiamo sfruttare per fare ADV su un pubblico personalizzato sono molte e si dividono essenzialmente in due categorie: origini personali ed origini di Meta.

 Le prime fanno riferimento ad un pubblico che abbiamo individuato utilizzando i mezzi di proprietà come:

  • sito web: in questo caso è essenziale aver installato il pixel sul sito web, o su determinate pagine, per intercettare i visitatori che verranno mantenuti in segmento fino ad un massimo di 180 giorni;
  • Elenco contatti: puoi creare un pubblico caricando un elenco di clienti che hanno interagito con la tua azienda;
  • Attività nelle App: puoi raggruppare le persone che hanno avviato la tua app o un gioco oppure eseguito un’azione specifica durante l’uso, ad esempio hanno acquistato un articolo;
  • Attività offline: un pubblico di persone che hanno interagito con la tua azienda in negozio, al telefono o tramite altri canali offline;
  • Catalogo: un pubblico basato sulle persone che hanno interagito con gli articoli del tuo catalogo.

Per quanto riguarda le origini di Meta abbiamo:

  • Video: persone che hanno guardato un dei tuoi video su Facebook o Instagram;
  • Modulo per l’acquisizione di contatti: persone che hanno aperto o completato un modulo in una delle tue inserzioni;
  • Esperienza interattiva e Esperienza AR: persone che hanno aperto la tua esperienza interattiva su Facebook o Instagram;
  • Annunci su Facebook: persone che hanno interagito con gli annunci su Facebook dal tuo catalogo;
  • Account Instagram: persone che hanno visitato o interagito con il tuo profilo, i tuoi post o le tue inserzioni di Instagram. Dovrai avere un account per professionisti, che può essere un account business o creator;
  • Eventi: persone che hanno interagito con uno dei tuoi eventi su Facebook;
  • Pagina Facebook: persone che seguono la tua pagina o vi hanno interagito;
  • Acquisti: persone che hanno aperto o completato un modulo in una delle tue inserzioni per la generazione di contatti su Facebook o Instagram.

Una volta definita la tua strategia di marketing potrai cliccare su una delle seguenti voci e procedere con la creazione del pubblico personalizzato.

Come posso sfruttare i pubblici personalizzati?

I pubblici personalizzati ci consentono di fare attività di retargeting o remarketing.

Le attività di retargeting hanno lo scopo di aiutare i clienti che hanno già interagito con il tuo brand a riscoprire la tua azienda al fine di compiere l’azione di acquisto o contatto.

Perché il retargeting su Facebook può portare dei benefici alla tua azienda?

Questa strategia di marketing permette di mettere in contatto la tua azienda con chi già la conosce rivolgendo i tuoi sforzi pubblicitari verso chi ha già visitato il tuo sito web, la tua app, il tuo negozio fisco, la tua pagina Facebook, ecc.

Non solo, grazie a questa tecnica puoi fidelizzare i tuoi clienti attuali e aumentare la loro fiducia sul tuo brand, segmentandoli e mostrando loro i nuovi prodotti e tutte le informazioni che desideri.

I vantaggi principali del retargeting sono: costi minori, tasso di conversione maggiore e targettizzazione specifica.

Sfrutta i tuoi contatti mettendo in piedi strategie di retargeting

Hai a disposizione un database di contatti ma non sai come sfruttarli al meglio?

Magari sono i contatti che vengono registrati dal CRM oppure, ad esempio, sono stati raccolti manualmente dai tuoi collaboratori, partecipando ad una fiera, bene, su questi elenchi potrai rivolgere le tue iniziative di retargeting.

Puoi creare una lista, sottoporla alla procedura di sicurezza e privacy di Facebook e raggiungere queste persone attraverso le inserzioni.

Indiscutibilmente queste liste mostrano risultati migliori se sono segmentate. È buona regola quindi di non utilizzare liste di contatti che non sai da dove provengono se vuoi veder risultati dalla campagna.

Se invece desideri mantenerti in contatto con tutti coloro che hanno visitato il sito web aziendale o una particolare sezione di esso, ad esempio chi non ha concluso l’acquisto, puoi mettere in atto strategie di remarketing sfruttando il pixel di Facebook.

Il pixel di Facebook è un piccolo snippet di codice che deve essere inserito all’interno del sito web e che monitora sia le persone che le azioni da esse compiute sul tuo sito web, le pagine che visitano e perfino quello che aggiungono al carrello.

In questo modo puoi veicolare un ADV specifica in base allo stato del percorso di acquisto in cui il cliente si trova, mostrandogli gli articoli che hanno abbandonato nei carrelli o consigliandogli alcuni prodotti in base ai loro interessi.

In quali casi è utile impiegare i pubblici personalizzati?

Oltre che per le attività di remarketing, i pubblici personalizzati possono essere utili in questi casi:

  • Entrare in contatto con vecchi clienti e risvegliare il rapporto: potresti avere dei contatti acquisiti negli anni passati e per i quali non hai più notizie da molto tempo, potresti sfruttare questo elenco privato per fare una campagna con pubblico personalizzato e magari trovare un pretesto per far ricordare della tua azienda;
  • Veicolare una determinata promozione ad un segmento specifico: le offerte possono essere una grande leva commerciale da proporre a chi ha mostrato un certo interesse per quel determinato prodotto o servizio. La promozione potrebbe far scattare la molla dell’acquisto a coloro che si sono mostrati indecisi;
  • Fare campagne super personalizzate: avendo a disposizione i dati per comprendere i desideri e gli interessi dei tuoi contatti, puoi sfruttarli al fine di veicolare dei messaggi pubblicitari molto dettagliati e personalizzati, saranno sicuramente super apprezzati;
  • Per escludere o includere alcune categorie: puoi usare i pubblici personalizzati per profilare al massimo il target di riferimento al fine di ottimizzare la performance dell’inserzione stessa;
  • Per creare pubblici simili: si tratta di un’importante funzione che ti permette di ampliare la platea di persone andando a raggiungere quelle che hanno i tratti più simili a quelli di un determinato pubblico personalizzato.

Nell’ambito del tema dell’advertising sono tanti gli strumenti che possono essere sfruttati per ottenere dei risultati importanti a fronte di un investimento di budget. Utilizzando al meglio i pubblici personalizzati potrai ridurre notevolmente i costi della pubblicità. Ovviamente il loro utilizzo deve calarsi perfettamente all’interno della tua strategia aziendale.

Vuoi mettere ordine al tuo marketing digitale?

Gli ultimi articoli
Strategia di marketing

Marketing sostenibile alla guida del cambiamento aziendale

La comunicazione green e la strategia di marketing sostenibile hanno l’obiettivo di rafforzare la presenza dell’azienda e la sua competitività sui mercati sfruttando il grande valore della sostenibilità, aspetto sempre più richiesto da investitori, stakeholder e clienti.

Brand Identity

Branding B2B: perché ne hai più bisogno che mai

Perché continuiamo a pensare ai marchi B2B e B2C come a due entità diverse? È vero, hanno un pubblico diverso, ma tutti i tipi di pubblico hanno una cosa in comune: sono tutte persone.
E le persone, come sappiamo dal mondo delle neuroscienze, pensano ed elaborano le informazioni allo stesso modo.

Vuoi ricevere gratuitamente le novità del nostro blog?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

"*" indica i campi obbligatori

Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.